A GENNAIO TE DEVI COPRÌ BENISSIMO PERCHÈ FA FREDDO NA CIFRA

Pubblicato il da Boosta Pazzesca

A GENNAIO TE DEVI COPRÌ BENISSIMO PERCHÈ FA FREDDO NA CIFRA

È un momento un po’ travajato daa vita mia. A dilla tutta n’è successo gnente de che, sò l’insieme de tante piccole cose che sommate, invece der totale, te danno direttamente un periodo demmerda. Pe dinne una, sto a stalcherà du tizi per cui ho lavorato che me devono ancora pagà. Dopo er consueto giro de SE SENTIMO SETTIMANA PROSSIMA e FAMO DIRETTAMENTE LA SECONDA META’ DER MESE QUELLO ENTRANTE, sto a riceve segnali rassicuranti der tipo:

A GENNAIO TE DEVI COPRÌ BENISSIMO PERCHÈ FA FREDDO NA CIFRA

Vabbè, pe fortuna nun so’ questi i problemi veri, le cose brutte sò quando ‘nce sta ‘a salute. 
“A BOO!” Sento gridà. È Marusca che c’ha er timbro altino de natura. “Senti, già che vai in farmacia me prenderesti na cosa?”  
“A Marù nun ce sto a annà in farmacia”.
“Ah scusa, vabbè se sentimio”.
Me perdo nei pensieri mia. Perché Marusca m'ha detto così? È preveggentola o soltanto n'accollo rompicojoni? Nun faccio 'n tempo a rispondermi che me chiama zia Nora, che sta poco bene e je serve na mano.

Io a zia Nora je vojo bene, pure se forse n’è popo mi zia. Cioè, lei se qualifica da decenni come moje de zio Spartaco, er fratello de mi padre, ma lui quando baccajano er venerdì sera je dice che n’è vero che so’ sposati, e che lui può pija’ la porta e annassene quando vole che tanto n’è manco abbandono der tetto. E infatti pija e esce. Poi però torna sempre da lei, e dev’esse popo amore perché oltre a esse ‘na rompicojoni zia Nora cucina talmente demmerda che un pranzo suo completo se qualifica come reato de tortura. Rescentemente la zuppa de cicoria de zia Nora è comparsa in un articolo de Amnesti internescional dar titolo “Aoh, ner dumiladieciannove ancora co sto uoterbòrding?”. 
Zia Nora m’ha invitato a casa sua a pijà er caffè e io manco so' entrata in cucina che già penso dove buttallo appena se gira da quanto che fa schifo.  
“Bella de zia come stai?”
“Nun me lamento, zi’. Te?”
“Io nammerda, Boo. Pure te, co certe domande che vieni a parlà de corda a casa dell’impiccato.”
“…”
“Nun fa quaa faccia de cazzo”, me ficca l’occhi nell’occhi. “Me devi aiutà, Boo.”
So’ uscita da casa de zia co ‘n pacchetto de ricette der luminare che la segue, autorità indiscussa ner campo suo co tipo due cognomi, tre nomi e cinque specializzazioni. Siccome che zia Nora nun vole che l’altri se facciano i cazzi sua, ha stabilito che tutti i medicinali devono da esse comprati in una farmacia fòri der quartiere, e la fortunata che ce deve annà indovina chi è. 
“Boo devi annà a Prati, là davero non mi conosce nisuno”. Dopo venti minuti de trattative, che a zia je vojo bene ma Prati coi mezzi è la Far Culandia, amo deciso che Testaccio poteva esse un compromesso pe le esigenze de entrambe, grazie ar fatto che sta sulla linea B come er Laurentino P38 e che zia nun ce mette piede dar ’99. “M’ariccomanno, nun di’ un cazzo a nisuno, Boo” me sussurra naa recchia, prima de chiude la porta de casa sbattendola.

Me immolo ner viaggio daa speranza verso Testaccio pregando che popo oggi nun tirino a sorte la stazione de Piramide pe qualche chiusura straordinaria daa metro. Na vorta sbarcata, me ricordo che devo da comprà ‘na cipolla. Me fermo a ‘n supermercato dove nun sò mai stata, così sò sicura che nun tanano le ricette segrete de zia Nora. Mentre che sto a pesà sta cipolla singola come me sulla bilancia dell’ortofrutta, s’avvicina ‘n pischello co na retina de cipolle. 
“Quella nun te conviene, se piji queste risparmi na cifra.”
“Ma che ce faccio co ‘n chilo de cipolle, scusa.”
Guardo ‘ste cipolle, poi ‘sta mano che le tiene che dove incomincia er polso se intravedono un milione de colori tatuati. Poi du occhi neri che ‘nce capisco più gnente. 
“Ce sta pure er tre per due” me dice er bello e impossibbile coll’occhi neri e il suo sapore de Corviale, che se chiama Romoletto e lavora popo là, co tanto de divisa e nome scritto in stampatello sur petto. 

Me credevo che ‘ste cose capitassero solo a Marusca, e invece me sò scoperta cojona pure io. Mo’ sto in fila a sta farmacia de Testaccio co tre chili de cipolle e cinque de patate ar selenio che lo sapemo tutti che fanno rate ar cazzo. Quando ariva er turno mio nun me sento più er braccio dar peso ortofrutticolo e ho pure ammorbato l’area de cipolla. 
Er farmacista è ‘n pischello serissimo, se spizza le ricette tutto profescional. “Ci sono delle cifre cancellate sul codice fiscale dell’assistita”. Guardo. È la parte co ‘a data de nascita, mi zia è popo scema.
“Eeeh se vede che er dottore ha stampato male”.
Er farmacista soprassiede e inizia ad aprì ogni cassetto alle sue spalle. Esco co na busta daa spesa più grande dee patate e dee cipolle, cor logo discreto a carattere centotredisci FARMACIA TESTACCIO - TORNATECE A TROVA’. Pe fortuna caa metro è n’attimo – se fa pe di’ - che se fa na certa, de sicuro al Laurentino non incontro n’anima.
Come arivo:
“Ciao Boo! Ammazza quanto stai carica”.
“Bella Boo, ma sò e medicine che puzzano de cipolla?” 
“Aoh, ma la trippa ‘ndo sta?” (Questo è mi padre, quando arivo a casa dopo aver incontrato pure a maestra dell’elementari).
Vado a consegnà er bottino a mi zia a mezzanotte, guardandomi intorno circospetta come na cojona.
“Te potevi mette ‘n passamontagna, bella de zia”. Rido, ma non era na battuta, e me n’allunga uno pe davero. “Tanto co sto freddo poi esse un criminale qualunque, chi te dice ‘n cazzo”.

A gennaio te devi coprì benissimo perché fa freddo na cifra. Fuori tira na gianna paurosa, me metto er passamontagna e devo dì che se sta popo bene. Giro l’angolo e ce sta quello che ancora me deve pagà. Me vede e sbianca come ‘n pedalino zozzo de mi padre. “Oh te prego, nun me fà der male, teh questo è tutto quello che c’ho” e me mette i sordi in mano. Sò quelli che me deve, più du pezzi da venti, allora quelli glieli ridò e me ne vado. 
Me guarda pure strano, mentre che m’allontano. Aoh me sto a fa pagà, mica sto a fà na rapina, in finale.

Sarà che m’è tornata la disponibiità economica, sarà che forse ho campato na settimana co pane e scolatura d’alici, sarà che Romoletto è ‘n manzo de Cristo e me sa che forse è quello er motivo vero, fatto sta che nei giorni successivi sto fissa ar super der Testaccio. Romoletto me riempie de roba veggetale na cifra conveniente. Na vorta i porri de du metri e mezzo, nantra i cardi, nantra ancora na zucca BATTERNAT de quattro chili. Pe fà la simpatica je cito DIRTI DENZING:
“Ah ah, sai mò posso annà alle feste e dì: ho portato na zucca <3 <3 <3”.
E lui: “NO GUARDA COMUNQUE LA POI SURGELA’ EH”.
Non l’ha capita. Forse n’ha visto er film, ODDIO ME SA CHE È PURE PIÙ GIOVANE DE ME, CHE MATTA CHE SONO.

A casa mi padre vede che metto a tavola er rinomato RADICCHIO TARDIVO MA NON TROPPO, GIUSTO N‘IDEA, a seguì er CAVORFIORE A PUA’ DELLA VAL PADANA CHE COSTA NA FUCILATA, e me dice: “se me stai a diventà vegana te apro, ce sputo dentro e te richiudo”. Pure zia Nora, alla quarta volta che me vede tornà co na frutteria appresso, me dice “Aoh io cucino la ciccia, er prossimo pranzo qua te tocca er digiuno”. E forse me sa che divento vegana pe davero.

Ar Testaccio ce continuo a annà pure pe zia Nora. Cor farmacista ormai ce sta un rapporto. Lui se chiama Evan ed è de origini albanesi. Segue le vicende de zia Nora con apprensione, dai farmaci prescritti capisce er decorso: “Ah, è migliorata”, “Ecco, sono salite le transamìnasi, vero?”. Storpia tutti i nomi dei medicinali, mette l’accenti a cazzo, dice paracetàmolo e me fa ride na cifra. Poi me vede caa verdura e me dice: “Ma stai diventando vègana?” 
“Eh?” “Vègana, che mangi solo verdure”. “Aaaaah vegàna, no vabbè ce stanno l’offerte e…”
“Aspetta che ti do vitamina B12, quella se sei vègana la devi prendere così”.
Me pija un flaconcino de pillolette e me fa tutto un pacchettino speciale cor fojo della farmacia, ma n’è bono e lo accocchia demmerda. Quant’è caruccio, penso, mentre dietro de me na vecchia dice AOH BASTA DE FLERTA’, QUA STAMO MALE CE SERVE ‘A PREPARAZIONE ACCA. 

Torno a casa, sempre in gran segreto. All’artezza der quarto ponte me blocca Marusca: “AOH CHE STAI A TORNA’ DAA FARMACIA DE TESTACCIO DOVE VAI IN INCOGNITO PE TU ZIA? COME STA?” Me vede er pacchettino e me inizia a pijà per culo che er farmacista s’è innamorato, poi me pija da na parte. 
“Boo me devi aiutà tantissimo. Senti siccome stai sempre in farmacia, che me compri i preservativi? Me vergogno, ma so’ pe er sesso sicuro”.
Sò perplessa. “A Marù, ma fino a mo’ come hai fatto? Che prendevi ‘a pillola?”
“NO PE CARITA’ CHE ME VIE’ A CELLULITE. I preservativi sai, se ne occupa Gerlando.”
“E mo’ che è successo, se vergogna pure lui?”
“A Boo”.
“Eh.”
“NUN LI DEVO USÀ CO’ LUI. PIJAME NA TAJA XL.”

Ar super der Testaccio me propongo subito in frutteria, ma Romoletto ‘nce sta. Dopo un po’ m’approccia una che me prova a spigne le patate ammerigane, ma de colpo, nun so divve perché, le verdure non so più attraenti come na vorta.
“Scusa, ma che per caso hai visto Romoletto?”
“Romoletto? Come no guarda, sta là o vedi?”
Me indica diritto a me in fondo. Romoletto l’hanno messo ar banco pesce. Me vede da lontano, me soride coll’occhi neri, tutto splendente, me fa cenno de venì da lui. E i piedi se moveno da soli, poi ciocco i prezzi dietro.
Mortacci sua, na spigola 40 euri ar chilo.
Le vongole che ancora fischiano 20 euri na reticella.
ER SALMONE DE VARMONTONE 25 EURI L’ETTO.
Giro i tacchi e l’accanno sur posto. Io questo amore nun me lo posso permette. Vado ‘n farmacia. Evan nun me vole appioppà la roba. L’importante è la salute e lui è pure der ramo, c’ha na posizione, mica sto caciottaro.

Evan me ciocca dall’ingresso in farmacia ed è na cifra sorridello, me fa pure passà davanti a ‘n vecchio cor cappello e sei ore ancora de vita. “Sono contento di vederti” me dice, e me sa che sò contentona pure io. “Cosa ti serve oggi? Ancora qualcosa per la zia?” 
“No, zia sta bene, passavo de qua…”
Ce sta ‘n silenzio che manco er catarro der vecchio de dietro po infrange. È tutto così romantico.
Poi me vibra la chiappa destra.

A GENNAIO TE DEVI COPRÌ BENISSIMO PERCHÈ FA FREDDO NA CIFRA

Vabbè, levamose er pensiero che poi sennò me dà er tormento. 
“Senti, che per caso c’hai dei preservativi?”
Sulla faccia de Evan se legge na presammario de quelle crescenti che nun le stoppi manco se te metti davanti (quello funziona solo cor 776 quando nun se ferma). Senza dì na parola pija ‘n pacchetto, me lo imbusta demmerda e quasi me lo tira sur bancone. “Otto euri e novanta”.
E io vorebbi dì qualcosa, invece dico:
“Ma sò XL? No perché sò per un’amica che s’è raccomandata…”
“Taglia unìca”.
Pago, pijo er pacchetto, abbozzo un ciao e me elevo dar quarzo. Vicino all’uscita me ferma la tizia der reparto celiachia/ dermocosmesi/ malattie immaginarie ma costoselle. “Viè qua che te devo fa vedè na cosa”.
Dietro ar bancone suo ce sta un mazzo de rose rosse.
“L’AVEVA PRESE EVAN PER TE. J’HAI SPEZZATO ER CORE A QUER RAGAZZO, MA ‘NTE VERGOGNI?”

A gennaio fa na cifra freddo e fòri dalla farmacia er climatizzatore coll’aria calda a palla è un lontano ricordo. Te credo che pure i vecchi co sei ore de vita preferiscono finì là.
Metto i preservativi naa tasca der giubbetto, dentro c’ho er passamontagna de zia Nora. Sarà che me vergogno come na ladra, ma me lo metto e me sento un pochetto mejo.
D’inverno le sveje in faccia se sentono de più, la pelle s’arrossa.
Te devi protegge co quello che c’hai.

Commenta il post

bibi 01/16/2019 13:12

bravaaaa

Boosta Pazzesca 01/16/2019 14:50

<33333

Carmelo Zito 01/16/2019 13:04

Unica.

Boosta Pazzesca 01/16/2019 14:50

GRANDE CARME' <3